martedì 28 giugno 2011

L'UNIONE FA LA FORZA

venerdì 3 giugno 2011

Al “mio” amato Team 78


Caro Team 78,

ti scrivo queste due parole perché desidero tu sappia quanto mi sono innamorato di te. Ti ho sempre avuto nel cuore, ma in questi ultimi mesi, confesso, mi hai proprio stregato. Scrivo Team 78, perché non vi conosco tutti per nome, anche se lo vorrei, ma so che ognuno di voi, che “indossa il nostro logo” si sente, e lo è, parte integrante ed importante del nostro Team.

Abbiamo festeggiato ieri la chiusura della stagione e già stiamo pensando alla prossima. Ci sono tante iniziative in progetto, e tanta voglia di far si che possiate giocare e divertirvi in palestre più adatte , con nuovi equipaggiamenti ed incentivi che ci appassionino ancor più al nostro sport.

Ma tutte le idee, i progetti, i programmi, sono senza valore, se non ci siete voi. Voi ragazzi e ragazze, allenatori, accompagnatori, appassionati, genitori ed amici. Questo è il Team 78, e c’è di che esserne orgogliosi,credetemi.

Lavoreremo e faremo di tutto affinché ci siano meno parole possibili e più fatti, dialogo tra tutti. Aperti alle critiche per migliorare, aperti alle proposte e felici di ascoltarvi.

Vi ricordate all’inizio dei campionati, scrivevo che il nostro logo “pulsa”;oggi più che mai è vivo, brilla di una luce ed una forza che gli date voi, che gli diamo noi, tutti assieme, tutti uniti e compatti.

Ultime due parole per rendere pubblici i nostri sinceri ringraziamenti al nostro Sandro Veronese, tessitore di tutta la trama del nostro logo, a Francesco, che ci ha portato la prima squadra a questo ottimo risultato, a Luca, che ha guidato i nostri ragazzi in una fase difficile, a Gigi ed ai suoi ottimi risultati, ai nostri due “grandi” Franco accompagnatori, ai nostri due Marco, e per ultimi, ma non per questo meno importanti, agli istruttori del minibasket, futuro del nostro logo, che hanno saputo rendere cosi nutrito il numero di miniatleti, futuro del nostro “logo”.

Caro Team 78, cari atleti, allenatori,accompagnatori,genitori, dirigenti,

Grazie per avermi insegnato questo sentimento di squadra.

Con orgoglio e gioia,

Alberto Spolaor


credits: zancoa.it