lunedì 7 febbraio 2011


UNDER 17
TEAM 78 MARTELLAGO - JESOLOSANDONA' BASKET 21 - 71
(Parziali 7-19,9-15,3-9,2-18)


TABELLINI
TEAM 78:
Carraro 0,Bragato 5, Magnanini 1, Ragazzo 0, Semenzato F. 4, Semenzato D. 0, De Benedetti 0, Battaggia 6, Perin 2, Pilotto 2, Spolaor 0, Furlani 1.

JESOLOSANDONA'
Fassetta 14, Montagner 6, Padovan 8, Tridente 11, Franceschi 3, Barbieri 2, Lorenzon 6, Niero 4, Shihaden 2, Maestrello 8, Montagner 7.


NON MOLLIAMO, RAGAZZI, NON MOLLIAMO PROPRIO ORA!

Ciao! Sono Boy X, un giocatore dell'under 17 del Team 78. Adesso parlo io: voglio anch'io dirvi ciò che penso mentre voi tutti siete lì fuori a guardare!.
Sono un ragazzo come tanti altri che cerca di impegnarsi sia nel mondo scolastico che in quello sportivo: sì, è vero! Sono un pò distratto dal computer e dalle ragazzine ma così fan tutti e perciò non datemene una colpa.

Mi alzo presto la mattina come tutti gli altri e quando scendo in campo a giocare ho sempre paura, sì ho paura di sbagliare! Sono immaturo voi dite per la mia età? Può essere ma non riesco a capire il motivo di ciò. Non capisco molto di quello che mi dice l'allenatore, quando ho la palla in mano vorrei tirare a canestro ma ho sempre mille dubbi, non fatemene una colpa , sono qua perchè mi piace lo sport e non perchè un giorno diventerò una star americana, non ne ho le potenzialità!

In questo momento non ho la forza necessaria per reagire e non capisco proprio cosa mi stia succedendo! Non voglio un aiuto da parte vostra, vorrei soltanto capire cosa fare per risolvere questa situazione.

Anch'io vorrei festeggiare con voi ogni settimana una vittoria, anch'io me ne vado dalla palestra deluso ed amareggiato di me e degl'altri, ma cosa devo fare?

L'unica cosa che posso dire a tutti i miei compagni è questa: non molliamo, ragazzi, non molliamo proprio ora! Ne va del nostro futuro! E' arrivato il momento del nostro orgoglio finale, è il momento di dimostrare a tutti che qualcosa di valore abbiamo anche noi: dobbiamo ricaricarci con quel piccolo barlume di luce che vediamo fioco dentro di noi e gettare più benzina sopra per dimostrare a tutti, ma prima di tutto a noi stessi, che le sfide le sappiamo affrontare anche noi. E' arrivato il momento di stringersi assieme, tutti uniti per sentire il cuore del compagno pulsare assieme al nostro.

Fanculo l'allenatore che grida! Fanculo i tifosi che urlano! Fanculo gli arbitri che non fischiano! Fanculo gli avversari che spingono! E' arrivato il momento di sentire me stesso, di dimostrare agli altri che non sono una patacca anche se gli avversari sono più tecnici e più bravi di me.

E' in gioco non soltanto il nostro presente ma tutto ciò che ancora non sappiamo del nostro futuro: ogni sfida la sfideremo così, a muso duro!"

Alla prossima
Mister D

1 commento:

Anonimo ha detto...

Stavolta mi sei proprio piaciuto Mister D!
Sabato 5 febbraio 2011 è un giorno che non credo ricorderemo con rimpianto ma è comunque un giorno che apparterrà ai nostri ricordi quando in futuro, facendo un confronto con esso, i nostri ragazzi potranno dire di essere finalmente riusciti a dimostrare quanto valgono, perché è così che andrà.
A bientôt.


credits: zancoa.it